Recensione | Le amiche che vorresti - B. Masini e F. Negrin | Giunti

Le amiche che vorresti - Beatrice Masini e Fabian Negrin  | Giunti
dagli 11 anni | 144 pagine | 18.00€

Le amiche che vorresti è un libro realizzato a quattro mani da Beatrice Masini e Fabian Negrin. All'interno sono custoditi ventidue ritratti di eroine letterarie - da Emma Bovary a Jane Eyre, da Lady Chatterley a Anna Karenina, fino ad arrivare a Matilde di Roald Dahl - che hanno in comune la caratteristica di infrangere le norme e gli schemi del proprio mondo. A ciascuna eroina è dedicata una tavola realizzata con un diverso stile e un brano attraverso cui l'autrice sintetizza l'essenza del personaggio.
Un libro che è anche una guida ai romanzi in cui le donne, che siano bambine, ragazze, o adulte, sovvertono l'ordine delle cose, combattono per inseguire le proprie passioni o semplicemente per essere se stesse a dispetto del contesto in cui vivono. Personaggi letterari femminili che tutte abbiamo desiderato di conoscere, di ritrovarci magari come le amiche della porta accanto.
Le illustazioni di Fabian Negrin sono bellissime e tutte molto diverse, come diverse sono le personalità delle nostre poliedriche eroine.

In particolare sono felice che Giunti Editore mi abbia coinvolto nel lancio di questo meraviglioso albo illustrato, avvenuto in contemporanea con la Bologna Children's Book Fair, e che mi abbia affidato il compito di farvi conoscere una delle protagoniste, Charity Tiddler, la ragazzina nata dalla penna di Marie Aude Murail e ispirata alla figura della scrittrice Beatrix Potter.
Charity è una bambina appartenente alla società inglese delll''800. Secondo le norme sociali dell'epoca le bambine erano creature invisibili, destinate a tacere e a farsi vedere il meno possibile. Ma Charity, con un padre che la ignora completamente e una madre che trova "sconveniente" ogni suo comportamento, non ha nessuna intenzione di dedicarsi al ricamo e di crescere con il solo intento di sposare un uomo facoltoso. Charity vuole imparare, vuole scoprire, vuole comprendere.
Mi accorgo, rileggendomi, che si potrebbe pensare che io vivessi da sola nella nursery, in mezzo a rane e topi. Mamma era una di quelle persone, numerose all'epoca, per cui un bambino poteva al massimo essere visto, mai sentito.
Mossa da uno spirito indomito e da una vivacissima curiosità per la natura e gli animali, trasforma la sua nursery in un rifugio per creature di ogni sorta: conigli, topi, rane, ricci. Sarà proprio la sua voglia di sapere a permetterle di evadere dalla gabbia  dorata che il mondo ha costruito intorno a lei e di trasformarsi in una giovane donna artefice del proprio destino. Grazie al suo ricco mondo interiore, ad un acuto spirito di osservazione, al talento nel disegnare la realtà circostante e all'assoluta intolleranza per le regole imposte alle donne dalla buona società, Charity diventerà un'illustratrice di libri per l'infanzia costruendosi una vita indipendente e libera.

Un libro da regalare ad adulti e bambini, bello da leggere e da sfogliare, un albo in cui ogni illustrazione è un mondo, una vita, una sintesi di sogni che brillano anche al buio.


Commenti

  1. Vorrei, oltre che queste amiche, soprattutto questo libro. Subito in lista! Un bacione.

    RispondiElimina
  2. Un'epoca veramente affascinante. La voglia di libertà di queste donne e la forza di riuscire a prendere con tutta la loro forza questa libertà. Mi piace! Ovviamente sarà nella mia lista.
    Grazie per la bellissima recensione! Un bacione enorme :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, sono un bell'esempio! :) Grazie, ti abbraccio

      Elimina
    2. Ti abbraccio anche io! :)

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari