Recensione | Ti ho trovato fra le stelle - Francesca Zappia | Giunti

Ti ho trovato tra le stelle - Francesca Zappia | Giunti
12.00 € | eBook 6.99 € | 352 pagine | Scheda del libro

Eliza è una ragazza poco socievole e solitaria, fa fatica ad aprirsi agli altri e cerca di nascondersi dietro felpe oversize. Ma una volta davanti al suo computer, Eliza sparisce per lasciare il posto a Lady Constellation, autrice anonima di «Monstrous Sea», un webcomic che conta migliaia di fan e persino un merchandising.
Due identità distinte, che viaggiano su binari paralleli e convivono in Eliza senza che nessuno ne sia a conoscenza, compresa la sua stessa famiglia. 
Finché a scuola non arriverà Wallace, un ragazzo introverso a cui il dolore ha insegnato a vedere oltre l'apparenza. Con Wallace il castello di carte costruito da Eliza andrà in frantumi e per la prima volta le sue due identità rischieranno la collisione.
Io sono LadyConstellation.
Io sono anche Eliza Mirk.
E questo è un paradosso che non potrà mai essere risolto.
Lo young adult è un genere che mi appartiene molto poco, in parte per una questione anagrafica, in parte perché anche da ragazzina ho sempre vissuto come una forzatura il tentativo di identificarmi in protagonisti adolescenti. Ti ho trovato fra le stelle è quindi un libro che avrebbe avuto poche possibilità di approdare nella mia libreria se non mi fosse stato inviato a sorpresa dalla casa editrice. Cimentarsi in letture che non rientrano nella nostra comfort zone è sempre un'esperienza stimolante, un po' come esplorare posti nuovi e, come spesso capita, questa escursione imprevista mi ha riservato delle sorprese.
Non ho creato Mare di Mostri perchè diventasse un fenomeno, l’ho fatto perchè era la storia che volevo. E continuo a farlo perchè c’è qualcosa dentro di me che mi preme sul cuore e mi dice di andare avanti. Sono venuta sulla Terra per creare questo, per me e per i miei fan. Questa storia. É mia ed è mio dovere farla venire al mondo. Vi sembro presuntuosa? Non mi importa. É la verità.
Innanzitutto, sebbene si tratti di un romanzo pensato per un target molto giovane, è una storia che va oltre la superficie, focalizzata su sentimenti e su tematiche importanti: legami familiari, identità, perdita, disagio, quel confine labile tra il reale e il virtuale che molti ragazzi sembrano ormai aver perso di vista. Poi la scelta di inserire alcune tavole del fumetto, così come spezzoni di messaggi, ha reso tutto più fluido e reale, alimentando la sensazione di trovarci nel mondo di Eliza e dando vita ad un'edizione curata in ogni dettaglio.
Purtroppo per me la difficoltà principale è stata quella di non riuscire ad empatizzare con la protagonista, di cui non ho capito fino in fondo l'atteggiamento di chiusura verso il mondo esterno e verso gli altri, quasi come se mancasse un pezzo, un tassello narrativo che potesse giustificare e motivare i suoi comportamenti a volte fin troppo drastici ed enfatizzati.
In compenso ho apprezzato molto il messaggio di fondo: il virtuale, per quanto appagante e luminoso possa essere, rimarrà sempre un surrogato della vita reale, che non può essere sostituita, così come non possono essere sostituite le emozioni che solo la vicinanza e il contatto con l'altro possono dare.
Prescindendo dalla mia idiosincrasia per questo genere, Ti ho trovato fra le stelle rimane uno young adult ben scritto, che consiglio agli amanti di webcomic e fanfiction e ai più giovani che, come Eliza, stanno lottando contro i propri mostri. Che quelli più temibili, si sa, albergano sempre dentro di noi.


Commenti

  1. Lo avevo già puntato, dal momento che di YA buoni ormai ne becco pochi, e questo su carta mi ricordava l'adorato, adorabile Fangirl. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo leggerai ovviamente non mi perderò la tua opinione! Io purtroppo faccio fatica con questo genere ma non mi è dispiaciuto sperimentare :)

      Elimina
  2. io amo il genere ma questo non mi ha soddisfatta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari